La RICERCA QUALITATIVA: altri BIASES dei ricercatori- di Carmen Cini

La ricerca qualitativa: altri biases dei ricercatori

Dopo aver accennato alle 5 principali categorie di bias che riguardano gli intervistatori/ricercatori stavolta esploriamo altri fenomeni che caratterizzano questo tipo di ricerca. Pregiudizio delle domande…
 

La ricerca qualitativa: altri biases dei ricercatori

Vedi le altre parti dell’articolo su “La ricerca qualitativa” e i biases dei ricercatori di Carmen Cini

Dopo aver accennato alle 5 principali categorie di bias che riguardano gli intervistatori/ricercatori (bias di conferma, distorsione dell’ordine delle domande, domande guida e bias di formulazione, pregiudizio culturale, effetto alone) stavolta esploriamo altri fenomeni che caratterizzano questo tipo di ricerca.

Domande di parte

Una domanda distorta influenza le risposte degli intervistati. Ed il modo in cui viene posta una domanda può influenzarne la risposta.

Pregiudizio delle domande principali

Le domande principali suggeriscono quali dovrebbero essere le risposte. Per cui, mettere le parole in bocca agli intervistati, distorce le loro risposte.

Pregiudizio della domanda incompreso

A volte i ricercatori fanno domande che gli intervistati fraintendono. Le parole, il contesto, la cultura e le diverse interpretazioni di parole e frasi causano malintesi.

Pregiudizio delle domande senza risposta

Alcuni intervistati non possono rispondere alle domande perché non hanno esperienza o punti di riferimento su un determinato argomento. Nonostante ciò, alcuni intervistati provano a rispondere. Le risposte, degli intervistati che non hanno esperienza su una categoria di prodotti, potrebbero risultare fuorvianti. Per i ricercatori è necessario intervistare persone con esperienza nell’argomento di interesse, quando moderano la ricerca qualitativa.

Bias di progettazione

Questo bias si verifica quando il ricercatore non considera il bias nella progettazione dello studio. Fattori come la dimensione del campione, la gamma di partecipanti, ad esempio, possono causare pregiudizi. Poi si verifica anche il “bias di selezione o di campionamento”. Ad esempio, potrebbero essere omesse persone di determinate età o etnie nello studio. Questo si chiama “bias di omissione”. L’altro tipo, “bias inclusivo”, è quando viene selezionato un campione solo perché è conveniente. Ad esempio, se le persone selezionate per lo studio sono tutti studenti universitari (accade assai spesso in chi fa ricerca in ambito accademico), è probabile che condividano molte caratteristiche ma che, tuttavia, alla fin fine, offriranno esiti troppo omogenei.

Campione distorto

Se un campione è un sottogruppo o segmento di intervistati, un campione distorto è costituito da intervistati che non rappresentano il gruppo di interesse. Il risultato è che vengono intervistate le persone sbagliate. Uno screening ed un reclutamento inadeguati causano campioni distorti. È necessario selezionare gli intervistati desiderati ed escludere quelli che non si adattano. Il campionamento casuale durante il reclutamento può ridurre la distorsione del campione. È importante sforzarsi di mantenere il campione privo di pregiudizi, selezionare gli intervistati utili affinché si possa avere un campione che rappresenta il ​segmento target.

Segnalazione parziale

I ricercatori e gli analisti a volte producono pregiudizi quando riportano i risultati della ricerca qualitativa. Non possono farne a meno. Mantenere una mente aperta richiede una disciplina straordinaria. Esperienze, convinzioni, sentimenti, desideri, atteggiamenti, cultura, punti di vista, stato d’animo, riferimenti, errori e personalità possono influenzare l’analisi e la segnalazione. Il conscio e il subconscio sono al lavoro. I ricercatori e gli analisti, d’altra parte, sono umani.

Pregiudizio procedurale

Questo bias riguarda il modo in cui viene condotto uno studio tenendo in considerazione quanto questo modo influisca sui risultati. Ad esempio, se viene concesso alle persone solo poco tempo per rispondere alle domande, le loro risposte saranno affrettate. Esiste anche un “bias di misurazione” che può verificarsi se l’attrezzatura che utilizzata è difettosa o non viene usata correttamente.

Pregiudizio dell’intervistatore

Questo bias è molto difficile da evitare. Si verifica quando un intervistatore influenza inconsciamente le risposte dell’intervistato. Le espressioni facciali, il linguaggio del corpo, il tono, il modo di vestire e lo stile del linguaggio del ricercatore possono introdurre pregiudizi. Allo stesso modo, l’età, lo stato sociale, la razza e il sesso del intervistatore possono produrre bias. Il suo linguaggio del corpo potrebbe indicare la sua opinione, per esempio. Alcune di queste influenze sono inevitabili, ma possono essere controllate alcune delle influenze fisiche.
Rimanere il più neutrale possibile nell’abbigliamento, nel tono e nel linguaggio del corpo diventa determinante come il non esprimere opinioni. Inoltre, c’è il “bias di risposta”, in cui qualcuno cerca di dare le risposte che ritiene corrette. Infine, c’è il “bias nei rapporti” che è spesso al di fuori del controllo del ricercatore. Significa che è molto più probabile che la ricerca con risultati positivi o entusiasmanti, venga segnalata e, per tale motivo, sembrare più critica.

Carmen Cini

0 comments on “La ricerca qualitativa: altri biases dei ricercatoriAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.