"[…] son più le vittime della speranza e della illusione che quelle del dolore e della disperazione […]" Shmuel Yosef Agnon - Ricordiamo il Premio Nobel per la Letteratura, Shmuel YOSEF AGNON, nonché una delle figure centrali della narrativa ebraica moderna

Ricordiamo il Premio Nobel per la Letteratura, Shmuel YOSEF AGNON, nonché una delle figure centrali della narrativa ebraica moderna

Shmuel Yosef Agnon è stato un romanziere, poeta e scrittore di racconti israeliano di…
 

[…] son più le vittime della speranza e della illusione
che quelle del dolore e della disperazione […]
Shmuel Yosef Agnon

Shmuel Yosef Agnon è stato un romanziere, poeta e scrittore di racconti israeliano di origine austro-ungarica. Fu una delle figure centrali della moderna letteratura ebraica. In ebraico, è conosciuto con l’acronimo Shai Agnon (ש”י עגנון‎). In inglese, le sue opere sono pubblicate sotto il nome S. Y. Shmuel Yosef Agnon era uno scrittore ebreo famoso soprattutto per il suo romanzo “The Bridal Canopy” che vinse il Premio Nobel per la letteratura nel 1966.

Shmuel Yosef Agnon, il cui nome originale è  Shmuel Yosef Czaczkes, nasce il 17 luglio 1888 a Buczacz, nella Galizia orientale  (Austria-Ungheria), seguendo gli insegnamenti di Maimonide e dell’Hassidim da parte di suo padre. Cresce in una famiglia religiosa, ma legge la letteratura classica e gli scritti dell’haskalah. Nel 1907, Shmuel Yosef Agnon lascia la patria si trasferisce a Giaffa, in Palestina, trascorrendo la maggior parte della sua vita poi a Gerusalemme. Quando Agnon ha 15 anni scrive la sua prima poesia. e continua a pubblicare poesie e racconti. La prima storia che scrive al suo arrivo in Palestina si intitola “Agunot” (“Le mogli abbandonate”); in accordo con ciò, cambia il suo nome in “Agnon”. Nel 1913 Agnon lascia la Palestina e si trasferisce in Germania per dodici anni. Durante quel periodo raccoglie Storie chasidiche con Martin Buber, tra le altre occupazioni. In tenera età, Agnon inizia a scrivere le storie che formano una cronaca del declino degli ebrei in Galizia.

Incluso tra questi c’è la sua prima pubblicazione importante, “Hakhnasat Kalah” (“The Bridal Canopy”), 1922, che ricrea l’età d’oro del chassidismo, e il suo romanzo apocalittico, “Oreach Nata Lalun” (“A Guest for the Night”), del 1939, che descrive vividamente la rovina della Galizia dopo la Prima Guerra Mondiale. Nel 1924 la sua casa viene bruciata da un incendio. L’incendio brucia la sua collezione di libri e manoscritti di nuove storie che aveva scritto. Quell’esperienza traumatica segna i suoi scritti futuri e influenza anche la sua decisione di tornare in Palestina con sua moglie Esther ei loro figli. Quasi tutti gli altri suoi scritti sono ambientati nella sua Palestina adottiva e trattano della sostituzione del primo insediamento ebraico di quel paese con il movimento sionista più organizzato dopo la Seconda Guerra Mondiale. I primi immigrati pionieri sono ritratti nel suo epico “Temol Shilshom” (“Solo ieri”), del 1945, considerato il suo più grande lavoro, e anche nelle storie da incubo di “Sefer Hamaasim” (“Il libro degli atti”), del 1932. Mentre queste e altre opere come “Pat Shlema” (“A Whole Loaf”), del 1933, e “Shevuat Emunim” (“Two Tales”), del 1943, sono sufficienti per assicurare la sua statura come il più grande scrittore ebreo vivente. Agnon si è anche occupato di commenti sulla cultura ebraica High Festival, “Yamin Noraim” (“Days of Awe”), del 1938, sulla donazione della Torah, “Atem Reitem” (Ye Have Seen), del 1959, e sulla raccolta della tradizione chassidica, “Sifreihem Shel Tzadikim” (“Books of the Tzadikim”), scritte tra il 1960 e il 1961.

La famiglia Agnon viveva in poche case nella terra d’Israele. Una di quelle si trova nel quartiere di Talpiot a Gerusalemme. Quella casa appare in varie storie e oggi funge da museo. Accanto ad Agnon vivevano altri personaggi famosi. La CZA ha la documentazione di un censimento della popolazione ebraica a Gerusalemme nell’anno 1939. La famiglia Agnon è una delle famiglie ivi registrate. Agnon muore nell’anno 1970. Dopo la sua morte, sua figlia pubblica nuove storie che non erano ancora state pubblicate. I libri di Agnon sono stati tradotti in molte lingue e hanno riscosso molto successo in tutto il mondo.

Shmuel Yosef Agnon è considerato uno dei più grandi scrittori di narrativa in ebraico del XX secolo. Nel 1966, insieme a Nelly Sachs, Shmuel Yosef ricevette il Premio Nobel per la Letteratura. Agnon è stato il primo cittadino dello Stato di Israele a ricevere un premio Nobel. Parte del suo discorso alla cerimonia è citata sulla banconota da 50 NIS e appare insieme al suo ritratto. La prosa artistica di Shmuel Yosef esplora l’esistenza della nazione ebraica dalla fine del XVIII secolo all’inizio del XIX secolo, quando il programma E-Europe era di attualità, per cui, alla fine del XIX secolo e dopo la Prima Guerra Mondiale, la nazione ebraica era costretta a immigrare in Palestina e Israele. Inizialmente Shmuel Agnon Yosef scriveva sia in ebraico che in yiddish, poi le sue opere furono create solo in ebraico. Ai suoi romanzi, compresi tra realismo e surrealismo, si possono fare riferimento: “Hakhnasat kalah”, opera autobiografica “Ore’ah Nata ‘Lalun” e “Tmol shilshom”. Il lavoro di Shmuel Agnon Yosef è anche molto apprezzato per i suoi racconti, che sono stati tradotti in inglese: “Days of Awe”, “21 Stories” e “Jaffa, Belle of the Seas”.

In cover: Shmuel Yosef Agnon. L’immagine è stata adattata, l’originale si trova qui

0 comments on “Ricordiamo il Premio Nobel per la Letteratura, Shmuel YOSEF AGNON, nonché una delle figure centrali della narrativa ebraica modernaAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.